domenica 25 agosto 2013

La terza piaga: le cavallette

Cavallette nell'orto. Danni e predatori.

Cavalletta

Le vien xo! Le vien xo! diceva il vicino indicando il monte. Stanno arrivando; sono milioni… Nelle settimane seguenti si è avverata la profezia. Quest'anno dopo le innondazioni e le lumache, ecco la terza piaga: le cavallette.

Ora mia moglie non vuole più andare nell'orto. Ad ogni passo, decine di cavallette saltano da tutte le parti. Certe si attaccano anche alla maglietta. Inizialmente non sembravano molto attratte dalle verdure quindi non mi sono preoccupato particolarmente. Dopo qualche giorno però, l'erba del campo non era più sufficiente per la loro dieta e qui sono iniziati i problemi…

Ecco cos'è rimasto del sedano dopo il loro passaggio. La foto l'ho scattata dopo qualche giorno, cioè quando alcune foglie avevano già cominciato a ricrescere (fortunatamente).

Sedano

Questo invece era un radicchio che se ne stava tranquillo sotto i pomodori. Aveva già cominciato a chiudersi a palla.

Radicchio

Purtroppo per tutti i radicchi piantati recentemente non c'è stato scampo. Solo quelli da taglio piantati in primavera e con la radice forte, sono ripartiti.

Qui si vede il tipico morso fatto in pochi secondi da una cavalletta.

Bietola da coste

Per ora i danni si sono concentrati solo sul sedano, i radicchi e le bietole da costa. Fortunatamente le proporzioni non sono bibliche. Le piante già sviluppate si stanno tutte riprendendo. Il problema serio, rimane solo per il trapianto dei radicchi o delle insalate. Fintanto che le piantine rimangono nelle vaschette va tutto bene. Le cavallette si avvicinano, guardano ma non toccano. Appena trapianto le piantine nel terreno, in poco tempo sparisce tutto…

Il responsabile di questo scempio è il Grillastro italiano (Galliptamus italicus) comune in tutta Italia e nel bacino mediterraneo. È la classica cavalletta marrone con le ali rosa visibili quando salta. Purtroppo si tratta di una specie polifaga, cioè che mangia tutto quello che trova anche se sembrerebbe avere una certa preferenza per l'erba medica.

Pomodoro con manico
Grillastro italiano su foglia di vite

Pomodoro con manico
Pomodoro con manico

Quest'anno ho trovato anche altre varietà, meno pericolose per l'orto. Chiaramente i danni, dipendono dalle quantità presenti. Queste fotografate fin dalla primavera, sono relativamente poche e tranquille. Anzi, le trovo simpatiche.

Cavalletta verde marrone
Cavalletta verde marrone
Tettigonia viridissima o cavalletta verde comune

Cavalletta verde marrone
Questa annusa l'origano. Vuole farsi una pizza?

Comunque le cavallette (anche se in piccole dosi riescono a essere simpatiche) possono creare dei danni seri. Ho cercato di capire come si potrebbe intervenire. Purtroppo in presenza d'un attacco massiccio di cavallette, c'è poco da fare. Anche gli insetticidi (che parola tremenda) più potenti sono spesso inefficaci sulle popolazioni adulte. Gli interventi dovrebbero mirare a ridurre le nascite future o a colpire le neanidi (giovani esemplari). La prevenzione sembrerebbe la strada ideale soprattutto nell'ottica dell'orto naturale (anche se non ho ancora capito come attuarla). Purtroppo quando si tratta di animali mobili come le cavallette, le cose si complicano perchè non è possibile controllare quello che succede nelle vicinanze del proprio terreno.

Si può usare con successo la rete antigrandine per ricoprire e proteggere gli ortaggi.

Un'altra soluzione interessante è quella di allevare nei dintorni dell'orto le galline faraone. Sarebbero ghiotte di cavallette.

Guardando attentamente, ho notato anche altri predatori naturali che possono dare un piccolo contributo. Uno è il calabrone (Vespa crabro) chiamato anche Martinello o Amazzacavalli. Questo ha staccato la testa della sua preda (lunga circa 10 cm) e poi è volato via. Anche altre vespe catturano cavallette. Una volta in un buco del muro di casa, ho trovato il nido di una vespa, con dentro una decina di piccole cavallette verdi, che avrebbero dovuto servire come cibo per i piccoli.

Calabrone

Questa, potrebbe essere la locandina del film Assassinio nell'orto

Mantide ombra

È la mantide religiosa, un prezioso e vorace collaboratore per chi ama l'orto naturale. Qui è alle prese con una grossa cavalletta grigia. In pochi minuti era scomparso tutto.

Mantide divora cavalletta
Mantide divora cavalletta

Questa mantide invece è stata meno fortunata. Se l'è presa con una cavalletta troppo grossa per lei e che ha saputo difendersi. La cavalletta morde e schiaccia la zampa della mantide. È la prima volta che osservo una cavalletta maltrattare una mantide.

Mantide e cavalletta

Alla fine la mantide si è liberata. Non le resta che leccarsi le ferite…

Mantide si lecca le ferite

Infine, c'è chi dice che non tutti i mali vengono per nuocere e che le cavallette si potrebbero anche mangiare. Così imparano! Avrebbero un po' il gusto dei gamberetti. In effetti, guardando questa foto, ci assomigliano proprio ai gamberetti.

Cavalletta verde

In questo caso, rivendico la mia tendenza vegana, così da non dover assaggiarle…


Vota:
3 voti

9 commenti :

ilmiobloginunozaino - lunedì 2 settembre 2013
ilmiobloginunozaino.blogspot.it
Queste foto sono diaboliche !! Ma che caspita, dopo i pomodori cornuti, pure una vagonata di cavallette ... ma in che posto strano vivi !! Non ho pratica -per fortuna- di cavallette, ma non c'è nessun odore che le infastidisca ?
Magari qualche pianta particolare che non gradiscono. Oppure da una qualche parte lessi che ci sono insetticidi di origine vegetale (per esempio a base di piretro), o trappole a ferormoni per insetti volanti, ma non so se includono le cavallette. Comunque mi hai incuriosito: a fine settembre a Guastalla ci sarà l'annuale fiera delle piante e animali perduti. Proverò a chiedere a qualcuno degli espositori maggiori informazioni ... hai visto mai che le cavallette arrivano pure qui.
Comunque in bocca al lupo. Ciao. Marilena

Cristian - lunedì 2 settembre 2013
www.ortonaturalefacile.it
Marilena, questa volta mi hai proprio fatto ridere... Vivo in provincia di Vicenza in zona pedemontana. Io però sono di Ferrara.
Comunque queste cavallette sono molto comuni anche in Emilia. Non vorrei spaventarti... :)
Purtroppo non ho trovato ancora niente che le allontani. Inoltre gli insetticidi sono inutili quando le cavallette sono adulte. È impossibile colpirle tutte.
Se trovi qualche idea alla fiera, faccelo sapere...

Nel frattempo, sto cercando di spiegare a questi insetti che l'erba del vicino è sempre la più verde, in modo che se ne vadano nel campo di qualcun altro...

Laura - martedì 3 settembre 2013
ortolistico.wordpress.com
Che foto, Crsitian!! Mi fai venir voglia di comprarmi una macchina fotografica seria! Ti posso chiedere che obiettivo/obiettivi usi? Sei davvero bravissimo!

Riguardo le cavallette, fortunatamente ho poca esperienza quindi non saprei cosa dire. Qui cavallette ce ne sono, anche tante (ma non in proporzioni bibliche come da te), ma non ho notato danni seri nell'orto. La soluzione delle galline e' quella che mi piace di piu' ! :)

Cristian - martedì 3 settembre 2013
www.ortonaturalefacile.it
Laura, anche te sei davvero incoraggiante. Grazie.
Per la macchina, ti dicevo che si tratta di una Nikon D5000. Una classica reflex di gamma media.
Per gli obiettivi, queste foto sono state scattate con un classico 18-55 stabilizzato in dotazione con il corpo macchina. È sufficiente per iniziare.
Ora ho appena acquistato un grandangolo Sigma 10-20 F/4-5.6, molto utile per avere una visione più ampia delle piante o delle aiuole.
Il prossimo obiettivo che voglio prendere è un macro vero, probabilmente un Tamron 90 USD stabilizzato. Dovrebbe permettere un ingrandimento di 2/3 volte superiore.
In linea di massima, per fotografare l'orto penso che sia più utile un grandangolo, per avere una visione globale delle aiuole e eventualmente del paesaggio. Il macro serve solo se vuoi vedere molto da vicino insetti o fiori.

Forse, quando avrò un po' più di esperienza, mi piacerebbe preparare un articolo su come fotografare l'orto...

A presto

rita - giovedì 27 marzo 2014
Da me le cavallette vengono a svernare ! Una, due , massimo tre . Mi pareva opera buona lasciarle stare fra i rami del gelsomino . Ma ,da quando hanno cominciato a gradire le foglie del limone e quelle del mandarino cinese , non mi sono più sentita di ospitarle ....Non mi piace dirlo e farlo è stato sgradevole : le ho uccise ! Spero non si ripresentino in forze , non saprei come difendermi !!! Grazie Cristian

davide - venerdì 14 agosto 2015
Personalmente le schiaccio,le do alle piante carnivore e alle galline.ho dichiarato guerra aperta e totale!

Rita - sabato 15 agosto 2015
Ciao Cristian . Per le cavallette affronterò il problema quando si presenterà. Ora resto in attesa di una tua ricerca su come debellare le arvicole ....

cristian - venerdì 18 settembre 2015
Rita, fortunatamente non ho mai avuto a che fare con le arvicole. Prova a cercare "ortolistico arvicole"...

Rita - venerdì 18 settembre 2015
Io per non sbagliare e ritrovarmi poi senza ortaggi ( dopo arvicole fameliche comprese) se le becco le elimino!
Aggiungi un commento:

Categorie

Articoli più consultati

Utimi articoli

Archivi

Tag

Libri consigliati

La Coltivazione Familiare del Grano
Per l'indipendenza alimentare
Voto medio su 5 recensioni: Buono
€ 5
Permacultura per l'Orto e il Giardino - Libro
Esperienze e suggerimenti pratici per raggiungere l’autosufficienza in un piccolo pezzo di terra
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 14
Guida Pratica alla Permacultura - Libro
Come coltivare in maniera naturale Giardini, Orti e Frutteti
Voto medio su 19 recensioni: Da non perdere
€ 19.5
Agricoltura Sinergica - Libro
Le Origini, l'Esperienza, la Pratica
€ 20
L'Orto Sinergico - Libro
Guida per ortolani in erba alla riscoperta dei doni della terra
Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere
€ 13
Coltivare e Allevare per l'Autosufficienza della Famiglia - Libro
Ortaggi, Frutta, Vino, Olio, Latte, Uova, Carni, Miele
€ 9.9
Le Case in Paglia - Libro
Come costruire edifici, uffici, capanne o cottage sostenibili, economici, efficienti e sicuri utilizzando le balle di paglia
Voto medio su 4 recensioni: Buono
€ 18.9
Forni in Terra Cruda - Libro
Manuale pratico illustrato di autocostruzione
€ 12
Fare in casa Vernici Naturali - Libro
Ricette e consigli per proteggere e abbellire il legno senza inquinare
€ 14

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti (per proporti pubblicità e servizi). Chiudendo questo banner, continuando a consultare questa pagina o continuando a navigare su questo sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni clicca sulla pagina Informativa sui cookies.Accetto